Competizione

Inutile dire che gli americani trasformano tutto in una gara. Oggi sono andata alla prima riunione di un club di cui farò parte, lo Scholastic Bowl. Sostanzialmente si tratta di un quiz (come nelle trasmissioni televisive) giocato a squadre di cinque, e avremo un pulsante da premere prima di rispondere. Quando ho sentito la descrizione, credevo fosse qualcosa di non organizzato, giusto per fare qualcosa… Ma mi sbagliavo. Siamo una decina di ragazzi in tutto (inutile dire che è un club da secchioni) e abbiamo due coach che allenano due rispettive squadre, la Varsity (per junior e senior) e la JuniorVarsity (per freshmen e sophomores). Abbiamo la prima gara contro altre scuole il 17 Novembre. E se ho capito bene abbiamo anche una sorta di divisa. Questo è lo sport che fa per me! Stimola il mio cervello senza scomodare la mia pigrizia.

Annunci

Basketball?

Come potete vedere, nel titolo c’è un gran bel punto di domanda. Chi mi conosce sa che non sono esattamente un tipo sportivo o atletico, ma vorrei iniziare un sport qui, per fare nuovi amici e per non ingrassare troppo (!). Qui gli sport sono divisi in stagioni. Durante la prima stagione (autunno) non ho potuto fare nulla perché sono arrivata dopo i provini (try outs), quindi ho deciso di provare con uno sport invernale. Basketball. Prima dei provini ci sono un po’ di allenamenti liberi, a cui tutti possono partecipare. Sono andata un paio di volte e.. posso dirvi che non farò mai parte della squadra! Le ragazze sono troppo forti! Speravo di farcela perché sono alta, ma ci sono molte ragazze più alte e forti di me, perciò… addio basketball! Naturalmente ci proverò, mi presenterò ai provini lunedì, ma… vi farò sapere.

Dolcetto o scherzetto? II

Ieri sera ho intagliato la mia prima zucca! E’ stato più complicato di quando pensassi. Prima di tutto, bisogna togliere il “coperchio” e togliere tutti i semi (che si mangiano cotti nel forno), e poi bisogna disegnare e ritagliare la faccia. Infine si intaglia un buco in alto per fare uscire il fumo e si mette una candela nella zucca. Ora il mio Jack o’ Lantern è vicino alla porta. Ha un’aria allegra.

Departures II

E mi rendo conto che non tornerò più a casa.

Non io, per lo meno. Forse un’altra me stessa.

Due mesi

Beh, per essere precisi due mesi e tre giorni. Che dire? Confermo quello che ho scritto un mese fa. Il giorno in cui sono atterrata all’aeroporto di Bloomington sembra appartenere ad un’altra vita. Un bilancio fino ad oggi? Di bene in meglio! Questa è un’esperienza straordinaria. Sono piena di gratitudine verso chi l’ha resa possibile.

Great White Squirrel

Questa mattina (notte) ci siamo svegliati alle 4.30 e siamo partiti verso sud. Destinazione: Olney, IL, patria degli scoiattoli bianchi. Amanda si è iscritta ad un gruppo di volontari che si ritrovano ogni anno in ottobre per contare quanti scoiattoli albini ci sono nel paese. In verità abbiamo dovuto contare: scoiattoli bianchi, grigi e rossi, gatti (in quanto predatori pericolosi per gli scoiattoli), nidi di scoiattoli e buchi negli alberi che fanno da tana per gli scoiattoli. In tutto abbiamo contato più di 120 scoiattoli (e avevamo solo una piccola area del paese da osservare!). Siamo anche riusciti ad arrivare piuttosto vicini ad uno scoiattolo albino, cercando di attirarlo con delle arachidi. Gli scoiattoli bianchi sono incredibili! Li puoi avvistare da molto lontano, e per questo sono sempre a rischio di estinzione (sono davvero una preda facile). Contarli è stato divertente, e sono così belli!

Come una star

Come una star. Beh, più o meno! Sono stata intervistata dal giornalino della scuola, che sarà stampato a fine ottobre. E’ ancora strano per me. Qui mi conoscono tutti! Non sono certo abituata a tutta questa popolarità.

Voci precedenti più vecchie