Mare

Ho ritrovato, sistemando alcune cartacce, un brano che avevo letto anni fa su una di quelle tovagliette di carta dei ristoranti e che avevo strappato e conservato. Si ricollega un po’ agli ultimi post sul mare (Il rumore del mare, Il profumo dell’aria salata).
E così volevo condividerlo con voi. E’ un po’ il mio regalo di Natale in ritardo.

Talvolta, anche se di rado, si ha la fortuna di accorgersi che nella nostra vita è subentrato un cambiamento, si abbandona la via vecchia, si imbocca la nuova e si prosegue dritti per la nuova rotta. Mi accadde una cosa simile, quel giorno d’estate in cui i miei occhi si aprirono sul mare.
(Jacques Yves Cousteau)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: